Stasera in onda “Tolo Tolo” di Checco Zalone: ma cosa significa il titolo?

Stasera in onda su Canale5 a partire dalle 21:40 il film sulle rotte dei migranti di Checco Zalone “Tolo Tolo”: ma cosa significa?

Uscito nei cinema il primo gennaio 2020, “Tolo Tolo” rappresenta il tipico medio qualunquista borghese, attraverso gaga e battute tendenti al grottesco.

Diretto ed interpretato da Checco Zalone, la pellicola racconta la vicenda tragicomica del protagonista che, dopo aver visto fallire l’ennesima attività in Puglia, sommerso dai debiti, scappa dal Paese.

Checco si rifugia in un resort africano, dove conosce un nuovo amico e confidente, Oumar, il cui sogno, invece, è quello di raggiungere l’Italia.

Il colpo di scena avviene quando scoppia una guerra civile e i due si trovano costretti a mettersi in marcia verso in bel Paese, tra bus poco affidabili, viaggi nel deserto, episodi di guerriglia e carcere.

“Tolo Tolo”: come significa il titolo?

La mordace critica alla società medio borghese appare piuttosto evidente nei film di Checco Zalone, anche in questo caso risulta chiara e diretta.

Ma perché la pellicola è stata intitolata così? Perché si chiama “Tolo Tolo”?

Durante alcune delle numerose interviste, durante cui Zalone ha dato alcune spiegazioni circa le particolarità del proprio film, il regista ed attore si è soffermato anche sulle ragioni che lo hanno portato a scegliere questo titolo.

Checco Zalone ha rivelato a RaiNews24 di aver chiesto aiuto alla figlia Gaia, prima di optare per il titolo. “Ti piace Tolo Tolo?”.

“Bellissimo, tolo tolo! Che cosa significa?”. Ma cosa significa, infatti, Tolo Tolo? “Solo Solo”.

Durante le riprese sul set, mentre si girava l’attraversamento del fiume Athi-Galana-Sabaki, Zalone avrebbe chiesto alle comparse di nuotare “solo solo”.

Uno degli attori, il giovanissimo Nassor Said Birya, avrebbe ripetuto “tolo tolo”. A Zalone piacqua l’idea e da qui prese ispirazione per il titolo della sua pellicola.