di maio

Gli ultimi sconvolgimenti politici sono l’occasione per tirare le somme e fare il punto sull’evoluzione del quadro politico italiano, dopo le elezioni amministrative e a meno di un anno dalla fine della legislatura. In questo quadro, le novità più significative riguardano il Movimento 5 stelle ma anche Fratelli d’Italia.

Andiamo a scoprire i risultati del sondaggio Winpoll-Sole24Ore pubblicato oggi dal giornale di Confindustria.

Le intenzioni di voto degli italiani: gli ultimi sondaggi

Anche in quest’ultimo sondaggio si conferma la tendenza registrata già negli ultimi mesi: il declino inesorabile dei Cinque Stelle e la crescita esponenziale di Fratelli d’Italia. Ma a quanto ammonta “l’effetto Di Maio”? Per stimarlo, agli intervistati è stato chiesto sia come avrebbero votato nel caso in cui non fosse presente il partito del ministro degli Esteri sia nel caso in cui ci fosse il suo partito, “Insieme per il Futuro”. Nel primo scenario il Movimento è stimato al 9,9 % mentre nel secondo scende al 6,9%, mentre il partito di Di Maio è stimato al 4,7%.

Attenzione però a prendere con le pinze queste percentuali: la storia repubblicana è piena di partiti con delle promettenti percentuali all’inizio, ma che poi si sono rivelati un flop (vedasi, ad esempio Italia Viva di Renzi; il Nuovo Centrodestra di Angelino Alfano).

Tuttavia un dato politico può comunque ricavarsi: Di Maio è stato uno dei volti principali del Movimento, tra i primi ad entrare in Parlamento e per questo un punto di riferimento per tutti gli iscritti. È chiaro che il suo addio comporterà un calo nei sondaggi per il partito di Conte. 

L’exploit di Fratelli d’Italia

Se c’è qualcuno che scende, c’è invece chi sale nei sondaggi: il partito di Giorgia Meloni cresce e arriva al 25% circa, diventando così il primo capitolo della coalizione. Anche questo è un dato che non sorprende: in un periodo in cui crescono le paure e i risentimenti legati alla situazione economica e alle prospettive future essere l’unico partito di opposizione è un vantaggio non da poco.

La Lega di Salvini, invece, si attesta intorno al 15%. In risalita anche Forza Italia che sfiora il 10%, grazie agli ottimi risultati ottenuti alle ultime amministrative.

Volendo trarre le somme, il quadro politico è sempre più frammentato e di difficile decifrazione. A meno di un anno dalla fine della legislatura è difficile fare delle previsioni.