L’incredibile storia di Baby Hulk, la bambina nata con braccia enormi | Da cosa è affetta la piccola Armani?

La chiamano “Baby Hulk”  ma è solo una bambina che, per una sfortunata malformazione fisica, ha le braccia molto più grandi della media.

I medici avevano in realtà riferito a sua madre che non c’era alcuna speranza per la piccola di sopravvivere, prevedendone la morte al momento del parto.

E invece Armani Milby, questo il nome della bambina, è nata viva dopo aver effettuato un cesareo d’emergenza a 33 settimane.

A 17 settimane, i medici, dopo un’ecografia, erano preoccupati che Armani potesse avere un pericoloso accumulo di liquidi intorno al suo cuore.

“Non abbiamo mai considerato un aborto anche se ci è stata fatta presente l’ipotesi quasi subito dopo che è stato scoperto che c’erano alcune importanti criticità riguardanti la salute di nostra figlia, all’epoca non ancora nata” ha rivelato la madre in un’intervista.

“Le hanno dato una probabilità di sopravvivere pari allo zero per cento. Hanno detto che non ce l’avrebbe fatta e che probabilmente non avrebbe pianto quando sarebbe nata”, ha aggiunto.

Attualmente infatti, attraverso le più moderne tecniche e con l’utilizzo di nuovi strumenti, si può rilevare la patologia, chiamata linfagioma,  già dal primo mese di gestazione attraverso una ecografia prenatale.

Linfagioma: cosa è e come curarlo

Il linfangioma è una rara anomalia dei vasi linfatici che si verifica spesso nel collo e negli arti superiori, creando una massa o tumefazione costituita da diverse cisti linfatiche di dimensioni variabili. Questi tumori benigni si verificano in circa 1 su 2000-4000 nati vivi, senza che sia noto il motivo esatto. Possono essere rilevati in qualsiasi fase della vita, ma circa il 50% è presente alla nascita e il 90% viene diagnosticato entro i primi 2 anni di vita.

Nonostante ciò, questa patologia non impedisce ai neonati di condurre una vita normale, specialmente quando il linfangioma può essere rimosso con successo attraverso un intervento chirurgico.

La figlia di Chelsey, la madre trentatreenne, è sopravvissuta, ma la sua gravidanza non è stata priva di sfide: Armani è nata pesando 12 libbre, quasi tre volte la quantità di un bambino normale.

Chelsey ha detto che la gente le chiedeva se stava dando alla luce tre gemelli perché “il suo pancione era gigante”, ed è per questo che i medici hanno eseguito un cesareo di emergenza.

“Con sorpresa di tutti, è uscita piangendo e tutti nella stanza erano emozionati. Nessuno sapeva cosa sarebbe successo. È una storia davvero magica”, ha aggiunto.

Dopo la nascita di Armani, tutta la famiglia ha viaggiato per 100 miglia fino a Cincinnati in modo che Armani potesse essere curata in un ospedale specializzato. Alla piccola verrà effettuato un intervento chirurgico entro la fine dell’anno per rimuovere i vasi linfatici in eccesso in modo che possa essere come tutti i bambini della sua età. Avrà anche bisogno di più operazioni per rimuovere la pelle in eccesso in futuro.