Cina e Stati Uniti, è corsa alla Luna: chi arriverà prima? | Il timore della NASA

Bill Nelson, il capo della NASA, ha avvertito che la Cina potrebbe rivendicare la Luna come parte del suo territorio nel caso in cui conquistasse la corsa per raggiungere la superficie lunare.

Per sostenere questa ipotesi, Nelson ha citato esempi di attività attuali sulla Terra, come l’espansione militare della Cina nel Mar Cinese Meridionale.

Entro i prossimi dieci anni, la Cina prevede di lanciare tre missioni nell’ambito del programma lunare Chang’e. In aggiunta, la Cina ha completato la costruzione della sua stazione spaziale nel 2022. La stazione nota come Tiangong, e ha già condotto tre missioni con equipaggio su di essa da allora è stata presidiata in modo permanente. Nelson ha sottolineato che la Cina ha conseguito notevoli successi nel suo programma spaziale durante l’ultimo decennio.

Tuttavia, suggerisce che Pechino potrebbe avere altre motivazioni. “Riteniamo che gran parte del loro cosiddetto programma spaziale civile sia in realtà di natura militare”, ha affermato mercoledì davanti alla commissione della Camera.

“La mia preoccupazione sarebbe che, se la Cina arrivasse per prima sulla Luna, potrebbe rivendicare il territorio”: Bill Nelson, amministratore della NASA, ha espresso queste preoccupazioni, sottolineando che la data annunciata dalla Cina per lo sbarco sulla Luna continua a slittare, con il 2030 come data limite.

Il capo della NASA enfatizza l’importanza per gli Stati Uniti di raggiungere la Luna prima e di utilizzare gli sforzi di ricerca per scopi pacifici. A tal fine, ha annunciato che la missione Artemis III, la prima missione umana sulla Luna dai tempi dell’Apollo 17, è ora prevista per settembre 2026.

In generale, per cercare di tenere sotto controllo la situazione, si è fatto ricorso agli Accordi Artemis, un patto volto a promuovere la pace nello spazio e su altri corpi celesti. Finora, oltre 40 nazioni, tra cui il Regno Unito, hanno firmato questo accordo. Tuttavia, la Cina non ha ancora aderito a questa iniziativa.

Sempre davanti alla camera Nelson afferma:
“Spero che il programma spaziale cinese cambi rotta e comprenda che lo spazio civile è destinato a usi pacifici, anche se finora non abbiamo visto prove di ciò.” E continua dicendo: “Dobbiamo essere realisti: la Cina sta investendo notevoli risorse nel suo programma spaziale e ha ancora ampio margine di crescita.”

Il paese sta anche sviluppando giganteschi palloni spia e missili ipersonici.

Secondo la Defense Intelligence Agency degli Stati Uniti, il numero di satelliti in orbita della Cina è raddoppiato dal 2019. Recentemente, un alto ufficiale delle forze spaziali statunitensi ha sollevato preoccupazioni riguardo alla vasta rete cinese di tracciamento dei satelliti, che potrebbe essere impiegata per monitorare le operazioni militari occidentali a terra.