Gioconda, cos’è successo al Louvre? Le ragioni di una folle aggressione

È accaduto nel pomeriggio di ieri, domenica 29 Maggio, un giovane ragazzo vestito da signora su una sedia a rotelle ha deciso di lanciare una torta contro la Gioconda, al Louvre di Parigi. Dopo il gesto, il ragazzo è stato immediatamente scortato via dalla sicurezza ed espulso.

Il famoso quadro di Leonardo, per fortuna, non ha subito danni. A seguito di altri tentativi di danneggiamento, il quadro ad oggi è ben protetto da un vetro antiproiettile e antiriflesso.

Le ragioni dietro il folle gesto

I testimoni raccontano di aver visto il ragazzo camuffato da donna alzarsi improvvisamente dalla carrozzella e scagliarsi contro il quadro. Subito dopo essere stato immobilizzato ha cercato di motivare l’aggressione.

L’intenzione del giovane uomo era quella di sensibilizzare sul tema ambientale e lanciare un appello a tutte le persone presenti. Ha affermato che c’è gente che sta distruggendo il pianeta e gli artisti hanno sempre pensato al pianeta, per questo ha compiuto il gesto. Il Museo del Louvre non ha ancora rilasciato dichiarazioni a riguardo.

Come ha fatto a superare i controlli

In molti si chiedono come sia possibile portarsi una torta dentro uno dei musei più importanti al mondo.

Ogni giorno il Louvre ospita circa 30 mila turisti che visitano la stanza dove è in mostra la Monna Lisa. La sicurezza è ben presente sia all’entrata sia all’interno del Museo. Molto probabilmente, l’aggressore è riuscito a nascondere una fetta del dolce sotto la giacca e grazie all’accesso più ravvicinato al quadro per le persone con disabilità, è riuscito a imbrattare il vetro.

Quanto accaduto ieri non si tratta del primo tentativo di danneggiamento. Nel 1956 un folle lanciò dell’acido contro l’opera, nello stesso anno un uomo la colpì con un sasso. L’ultimo tentativo risale al 2011 quando una donna russa lanciò una tazza da tè. Insomma, molte di queste folli azioni vengono motivate dalle cause più disparate ma la realtà dei fatti rimane il tentativo di danneggiamento di opere che fanno parte della storia dell’umanità.