discoteca

Dopo essere stata picchiata nei bagni di una discoteca del torinese, decide di pubblicare su TikTok l’identikit dei suoi aggressori. La vittima si chiama Ilenia ed ha appena 20 anni, ma non ha paura di denunciare il branco che l’ha letteralmente pestata senza motivo.

“Ovviamente ho denunciato anche ai carabinieri. Sono certa che con le telecamere riusciranno a rintracciarli, ma con i social è facile farsi conoscere, mandare messaggi. E infatti il video è diventato virale. Chissà. Magari serve a qualcuno, magari sensibilizza”, queste le parole della ragazza, intervistata da “La Stampa”.

Ripercorriamo la vicenda e cosa è successo

La ragazza, intervistata da “La Stampa” riferisce di essere andata a ballare in un locale famoso del torinese, il Whitemoon, la notte tra mercoledì e giovedì scorso. Ospite del locale vi era un famoso cantante rap. “Poco prima delle 3, il cantante finisce di suonare e io vado in bagno. Fuori c’era anche il buttafuori. Non so se è la normalità, ma quella sera c’era, l’ho visto bene. Anche perché, c’era una via vai strano. Nel bagno delle ragazze c’erano solo maschi. Non che mi desse fastidio, però ho chiesto al mio fidanzato di entrare con me. Ho avuto la sensazione che fossero persone poco raccomandabili”.

La sua sensazione era purtroppo giusta: prima un gruppo ha insultato il suo ragazzo e poi lei, rivolgendole epiteti sessisti. La discussione è andata avanti per qualche minuto fino a quando uno dei tre non ha sferrato un pugno alla ragazza.

“È successo tutto all’improvviso”

“Stavamo uscendo dal bagno. Non volevamo problemi. Lui si era messo davanti alla porta. E mi ha sferrato un pugno così, senza minacciarmi, senza dire nulla. Io sono caduta a terra, lui è scappato come un coniglio. Il mio ragazzo l’ha rincorso”.

L’idea di fare un identikit da postare sui social

“Prima sono andata in ospedale. Fratture al naso: dieci giorni di prognosi. Poi dai carabinieri. Poi ancora ho deciso di postare su Tik Tok, dove è facile farsi conoscere velocemente. Infatti, il video è diventato virale. Spero che aiuti le indagini. O comunque che serva a qualcuno, che sensibilizzi”.

Anche il suo ragazzo è rimasto ferito, dopo una colluttazione avuta con uno dei tre aggressori. Indubbiamente un’iniziativa da lodare quella della ragazza, che non vuole tacere di fronte alle violenze subite.
Adesso la palla passa agli inquirenti, nella speranza di trovare quanto prima l’ennesimo branco di violenti e facinorosi.