Alexandria Ocasio-Cortez ed altre deputate democratiche sono state arrestate durante una protesta a favore dell’aborto.

Ma s’è accesa una polemica legata al fatto che AOC sembra non essere ammanettata davvero: andiamo a vedere assieme la vicenda.

La situazione aborto negli USA

Venerdì scorso, la Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti, controllata dai Democratici, ha approvato due proposte di legge per proteggere l’accesso all’aborto nel Paese. Le due proposte hanno però poche possibilità di passare al Senato, dove i progressisti hanno una maggioranza risicata. Una proposta di legge sostiene l’accesso all’aborto sancendo il diritto all’aborto come legge federale, mentre l’altra protegge i viaggi interstatali per ricevere l’aborto nei luoghi in cui è consentito.

Alla fine di giugno, la Corte Suprema ha annullato le protezioni legali per l’aborto, ribaltando la sentenza Roe v. Wade del 1973. Diversi Stati controllati dai repubblicani hanno limitato o vietato del tutto l’aborto dopo la sentenza della Corte Suprema.

L’arresto di Alexandia Ocasio-Cortez

Ocasio-Cortez, icona dell’ala sinistra del Partito Democratico, ed altri deputati democratici, sono stati arrestati durante una protesta pro-aborto davanti alla Corte Suprema degli Stati Uniti, per aver presumibilmente bloccato il traffico.

Secondo Efe, Ocasio-Cortez è stata ammanettata e trattenuta dagli agenti della polizia capitolina a Washington DC per aver bloccato il traffico davanti alla Corte Suprema. I media statunitensi hanno riferito che altri legislatori democratici presenti alla protesta erano Nydia Velazquez, Carolyn Maloney, Jackie Speier e Bonnie Watson Coleman.

La protesta davanti alla Corte Suprema di martedì 19 luglio ha portato all’arresto della rappresentante democratica Alexandria Ocasio-Cortez. Tuttavia è circolato un video in cui può essere vista essere portata via dalla polizia mentre “finge” di essere ammanettata.

Nel video, un agente di polizia del Campidoglio scorta la Ocasio-Cortez, dopo che quest’ultima ha bloccato il traffico fuori dall’edificio del tribunale. Ma la Rappresentante 32enne si mostra come “ammanettata” per alcuni secondi mentre mette le mani dietro la schiena. Passano solo pochi istanti ed il video rivela che non è stata ammanettata, in quanto alza il pugno per salutare i suoi sostenitori. Successivamente, la politica ed attivista americana incrocia nuovamente le mani dietro la schiena emulando l’ammanettamento.

Ecco il video: