Vende il figlio neonato per rifarsi il naso: vicenda shock dalla Russia

Una donna di 33 anni è stata accusata di aver venduto il figlio per pagarsi un intervento estetico in Daghestan, Russia. Il bambino è stato acquistato per meno di 200.000 rublos (circa 3500€).

Secondo il The Sun, la madre ha detto a un’amica che non voleva tenere il bambino e ha trovato a una coppia disposta a comprarlo.

La donna aveva accettato di consegnare il bambino cinque giorni dopo la sua nascita a Kaspiysk.

Tuttavia, secondo i rapporti della polizia, la madre, che ha mantenuto il suo nome anonimo, ha consegnato il bambino un giorno dopo la nascita per il 10% del pagamento, ovvero 350€.

Tutto stava andando secondo i piani; tuttavia, dopo aver effettuato l’ultimo pagamento, le autorità sono riuscite a intercettarli come possibili sospetti di traffico di esseri umani.

Secondo le dichiarazioni della coppia, la donna stava accumulando il denaro per pagarsi una rinoplastica (plastica al naso).

In risposta, le autorità hanno dichiarato: “Il Comitato investigativo della Federazione Russa per la Repubblica del Daghestan ha avviato un procedimento penale contro un 33enne residente nella città di Kaspiysk”, ha riportato il giornale.

Hanno inoltre aggiunto che “sono attualmente in corso diverse fasi investigative, volte a stabilire tutte le circostanze del crimine commesso e a consolidare le prove della colpevolezza dell’indagato”.

È sospettata di aver commesso un reato ai sensi del paragrafo ‘h’ della Parte 2, art. 127.1 del Codice Penale della Federazione Russa (acquisto e vendita commessi nei confronti di una persona in stato di impotenza, nota al colpevole)”, hanno dichiarato i funzionari.