Franco Califano, le cinque canzoni più note per ricordare il cantautore romano

Franco Califano, all’anagrafe Francesco Califano, è stato un cantante, produttore discografico, poeta, scrittore ed attore italiano.

È nato il 14 settembre 1938 a bordo di un aereo che stava viaggiando sopra Tripoli, in Libia. I suoi genitori erano entrambi di origine campana: il padre Salvatore, che aveva prestato servizio nell’Esercito Italiano, era di Pagani, mentre la madre, Jolanda Ianniello, era di Nocera Inferiore. Ma dopo la seconda guerra mondiale la famiglia si trasferì a Roma.

Negli anni anni ‘60 ai avvicina al mondo della musica, diventando con il tempo un mostro sacro della scena italiana.

Andiamo a scoprire insieme le cinque canzoni che più di tutte hanno segnato la sua carriera. Una scelta difficile visto che Franco Califano in tutta la sua carriera ha pubblicato 32 album.

Top 5 di Franco Califano

1. Tutto il resto è noia.

Questo brano del 1976 è il successo più grande di Franco Califano. Fa parte dell’omonimo quarto disco dell’artista. Secondo Rolling Stone, l’album è presente nella classifica dei 100 dischi italiani più belli di sempre, precisamente si piazza alla posizione numero 57.

2. Io nun piango.

Sempre nel 1977, Califano pubblica l’album Tac…!, al cui interno è presente il brano Io nun piango. Canzone dedicata all’amico Piero Ciampi, anch’egli poeta e cantautore, che in quel periodo non se la stava passando bene.

3. Non escludo il ritorno.

Con questo brano, che fa parte dell’omonimo album del 2005, il cantautore italiano ha partecipato al Festival della canzone italiana di Sanremo del 2005. La frase “non escludo il ritorno” è incisa anche sulla sua lapide (Califano è morto per un’insufficienza cardiaca il 30 marzo del 2013).

4. Io me ‘mbriaco

Questo brano è stato scritto dal Califfo nel 1975 e fa parte dell’album Secondo me, l’amore…. Io me ‘mbriaco narra il malessere di un amore finito, dimenticato grazie agli effetti dell’alcol.

5. Me ‘nnamoro de te

È la prima traccia dell’album del 1976, Tutto il resto è noia. L’immagine di copertina del disco in questione ritrae Eros Turatello, figlio del boss Francis Turatello, di cui Franco fu un gran amico.
La tematica della canzone è un amore desiderato.