Questa sera in prima tv su Canale 5 10 giorni con Babbo Natale, film del 2020 sequel di 10 giorni senza mamma, con Diego Abatantuono.

Dove è stato girato? Ci sarà un sequel? Ecco tutto ciò che c’è da sapere sulla commedia natalizia tutta all’italiana.

10 giorni con Babbo Natale: la trama

La famiglia Rovelli si trova ora in difficoltà a causa della disoccupazione di Carlo, il quale ha lasciato il suo lavoro per trascorrere più tempo con i figli Camilla, Tito e Bianca. Pochi giorni prima di Natale viene offerto a Giulia, moglie di Carlo, una promozione che può cambiare la situazione economica della famiglia.

Carlo, Giulia e i bambini si recano quindi in Svezia, dove il nuovo lavoro di Giulia avrà luogo. Durante il viaggio, appena superato il confine con l’Austria, investono con il loro camper un uomo che dice di essere Babbo Natale. I genitori decidono quindi di portare con loro l’uomo per far contenti i bambini. Il presunto Babbo Natale farà riscoprire alla famiglia la magia del Natale e l’amore che provano gli uni per gli altri.

10 giorni con Babbo Natale: il cast

Carlo Rovelli è ancora una volta interpretato da Fabio De Luigi, così come era stato nel prequel. La moglie Giulia è invece protratta da Ludovica Lodovini.

I figli Camilla, Tito e Bianca sono impersonati rispettivamente da Angelica Elli, Matteo Castellucci e Bianca Usai. Nel ruolo di Babbo Natale troviamo invece Diego Abatantuono.

Curiosità su 10 giorni con Babbo Natale

Come menzionato il film è il sequel di 10 giorni senza mamma, film del 2019. Inizialmente la pellicola sarebbe dovuta uscire nelle sale cinematografiche; tuttavia, Amazon Prime ne ha acquistato i diritti distribuendola sulla sua piattaforma streaming.

Nel film la famiglia Rovelli si reca in Svezia per il lavoro di Giulia. Il viaggio avrebbe dovuto essere girato in Finlandia; a causa della pandemia e del lockdown le riprese sono terminate a luglio, e in quel periodo in Lapponia non c’era più un clima invernale e la neve. Il set è stato quindi interamente ricostruito. Le riprese quindi hanno avuto luogo solo in piccola parte in Finlandia, per il resto in Alto Adige e a Roma.

Il regista e co-sceneggiatore Alessandro Genovesi non ha rilasciato alcuna dichiarazione riguardo un possibile sequel.