L’uomo sul treno – The Commuter: esiste un sequel? Come finisce? Tama e curiosità

L’uomo sul treno – The Commuter è un film del 2018 diretto dal regista spagnolo Jaume Collet-Serra. Il grande protagonista del film è Liam Neeson, che rappresenta Michael McCauley, uomo che si trova coinvolto in un caso più grande di lui. Le vicende raccontate nel film accadono per la maggior parte su un treno e il film, un thriller dinamico e particolarmente teso, sfrutta l’ambiente per ricreare un certo senso di claustrofobia che contribuisce ulteriormente ad aumentare la suspense.

È il quarto film in cui Liam Neeson collabora con il regista Jaume Collet-Serra e l’attore ha dichiarato di aver accettato il ruolo anche grazie al clima positivo che il regista riesce a creare sul set. Neeson spiega inoltre che per le registrazioni si è completamente affidato alle indicazioni di Jaume Collet-Serra senza perdere troppo tempo ad analizzare la sceneggiatura da solo.

Accanto a lui troviamo l’attrice Vera Farmiga, che interpreta la misteriosa Joanna. Nonostante l’attrice appaia per un totale di soli 6 minuti durante il film, è stata comunque indicata come una delle protagoniste principali.

Tra gli altri attori presenti nel film ci sono Patrick Wilson, che ricopre i panni del detective Alex Murphy, Jonathan Banks, Sam Neil e Elizabeth McGivern che presta il volto a Karen McCauley, la moglie del protagonista.

Il film ha riscosso un enorme successo riscuotendo al botteghino 120 milioni di dollari con un budget di partenza di 40 milioni. Nonostante l’elevata cifra di incassi non si hanno notizie di un sequel, nessuno del cast e nemmeno il regista hanno lasciato indiscrezioni su un possibile continuo del thriller.

Il film è disponibile su varie piattaforme su cui Amazon Prime Video, Google Play, Infiniry, Rai Play, Tim Vision e Apple iTunes.

Trama e curiosità

Il protagonista del film è un uomo di nome Michael McCauley, pendolare che ormai da anni sale ogni giorno sul treno per recarsi a Manhattan. L’uomo ha un passato al servizio della polizia di New York e svolge ormai da 10 anni il consulente assicurativo.

Usa come passatempo quello di osservare chi lo circonda, ormai riconosce molti volti familiari su quel treno. Un giorno la vita tranquilla nella quale vive viene spezzata da un licenziamento in tronco senza troppe spiegazioni.

Quello stesso giorno mentre tornava da Manhattan viene raggiunto da una donna misteriosa di nome Joanna, che gli propone un passatempo diverso ma allo stesso tempo pericoloso. A Michael viene proposto di individuare un passeggero di nome Prynne, che non dovrebbe essere sul treno e che rappresenta un rischio per tutti i passeggeri dato che possiede un oggetto rubato di grande valore.

La donna propone una ricompensa di 100 mila dollari, 25 subito e 75 mila a missione conclusa. L’uomo accetta, ma capisce poco dopo di essersi infilato in una vicenda più grande di lui che rappresenta un pericolo persino per la sua famiglia. L’unica salvezza per l’uomo sarebbe trovare il ricercato prima che il treno arrivi a destinazione.

Il caso che Michael deve risolvere è ingarbugliato e complesso, e lo porterà a fare i conti con un’organizzazione di criminali e un’accusa di terrorismo. Fortunatamente il film si conclude con un lieto fine: Michael viene scagionato dall’accusa di terrorismo e viene reintegrato come poliziotto, la sua famiglia è salva e i cospiratori vengono arrestati.