La storia dell’albero di Robin Hood, abbattuto stanotte da un 16enne

Questa notte è stato abbattuto il Sycamore Gap, nel Northumberland, accanto al Vallo di Adriano. Il famoso albero fu eretto in epoca romana ed era considerato patrimonio mondiale dell’UNESCO.

L’albero, conosciuto come l’albero di Robin Hood, aveva una valenza importantissima tanto che nel 2016 è stato eletto “Albero dell’anno”. Il premio consisteva in una sovvenzione di 1.000 sterline che è stata poi utilizzata per sondare la salute dell’albero e per svolgere lavori per proteggere le sue radici, che stavano diventando esposte a causa dell’elevato volume di traffico pedonale che passava sopra di loro

L’albero divenne noto al grande pubblico dopo che lo si vide per la prima volta nel film Robin Hood, uscito nel 1991, dove Kevin Costner e Morgan Freeman passano davanti a questa imponente pianta.

I funzionari della Northumberland National Park Authority ritengono che l’albero sia stato “deliberatamente abbattuto“.

E in effetti così è stato.

Secondo le fonti più recenti a compiere l’atto vandalico sarebbe stato un sedicenne, le cui generalità non sono state divulgate. L’accusa sarebbe quella di danneggiamento criminale.

Attualmente il giovane è in custodia e sta aiutando con le indagini, ha detto un portavoce delle forze armate.

Non si conoscono ancora i motivi dell’atto ma il consigliere comunale Steven Bridget ha dichiarato che l’albero è stato «senza dubbio abbattuto con una motosega», per poi precipitare dall’altra parte della muraglia, costruita dai Romani nella Britannia del primo secolo d.C.

La rabbia degli affezionati e la possibilità di una rinascita

Il sovrintendente della polizia Kevin Waring ha descritto l’albero come “un punto di riferimento di fama mondiale” e ha detto che la sua perdita ha “causato shock significativo, tristezza e rabbia in tutta la comunità locale e oltre“.

Il fotografo Ian Sproat ha detto che il suo “cuore è stato strappato” quando ha visto il danno, mentre il deputato di Hexham Guy Opperman ha detto di essere “completamente stordito”.

Ha un posto speciale nei nostri cuori“, ha raccontato Leanne Scudamore, che si fidanzò proprio sotto il sicomoro del Vallo di Adriano nel 2016.

A parte l’aspetto emotivo, non bisogna sottovalutare l’impatto che l’abbattimento dell’albero di Robin Hood avrà sul turismo locale. “Potrebbe essere devastante per tutte le imprese che lavorano qui”, ha concluso Scudamore.

Ma esiste un futuro di rinascita?

“È un sicomoro, quindi il ceppo potrebbe nuovamente ricrescere, anche se non sarà più lo stesso”, ha sottolineato Poad, confermando che il National Trust raccoglierà i semi e riciclerà il legno. Gli ha fatto eco John Stokes, membro del gruppo ambientalista The Tree Council. “È difficile sapere se potrà sopravvivere, ma vale la pena sperare”, ha detto al Daily Mail. “Forse germoglierà in primavera, ma serviranno decenni affinché cresca un nuovo albero”.

Speranzoso anche l’esploratore Tristan Gooley, autore di diversi libri sulla vegetazione. “A meno di avvelenamento o salute cagionevole, gli alberi a foglia larga ricrescono in più fusti», ha detto al Daily Telegraph.

Questo sicomoro stava bene prima dell’abbattimento“, termina così l’intervento.