Chi è Dario Antonio Usuga, narcotrafficante colombiano

Dario Antonio Usuga è tra i più grandi narcotrafficanti della Colombia e del mondo. È nato il 15 settembre 1971 a Necoclí, in Colombia, ed è stato arrestato nella notte tra sabato 23 ottobre e domenica 24.

Da molti veniva definito ‘Il nuovo Pablo Escobar‘, visti i suoi numerosi coinvolgimenti nel mondo del narcotraffico sudamericano. L’uomo – da tutti conosciuto come ‘Otoniel‘ – era a capo del Clan del Golfo. Era ricercato da anni, e per catturarlo ci sono voluti 500 uomini dell’esercito, polizia, aeronautica, l’intelligence colombiana, e ben 22 elicotteri. Il narcotrafficante è stato catturato a Necoclí, nel nord-ovest del Paese, vicino al confine con Panama, e purtroppo nell’impresa è rimasto ucciso un poliziotto.

Anche il presidente della Colombia, Iván Duque, si dice soddisfatto della cattura. Sul suo profilo Twitter ha dichiarato: “È il colpo più duro inferto al traffico di droga in questo secolo nel nostro Paese, un successo paragonabile solo alla caduta di Pablo Escobar.”

A suo carico, non solo reati legati al traffico di droga – specialmente tonnellate di cocaina – verso il Centro America, gli Stati Uniti e l’Europa. Sarebbe anche colpevole di essere a capo del business dell’immigrazione clandestina, di aver reclutato minori per le sue attività criminali, e di aver ucciso degli agenti di polizia. La DEA (Drug Enforcement Administration) – agenzia federale antidroga degli Stati Uniti – aveva messo su di lui una taglia da 5 milioni di dollari.

Dopo l’arresto, ‘Otoniel’ è stato trasferito a Bogotà in aereo, dove è stato condotto a una stazione di polizia sotto una stretta scorta. Incriminato dalla giustizia americana nel 2009, Dario Antonio Usuga è al centro di una procedura di estradizione presso il tribunale del distretto meridionale di New York.