Aumento dei disturbi mentali nei bambini: il Covid ha peggiorato la situazione – i dati allarmanti

Secondo un articolo del The Sun, sempre più giovani cercano aiuto e sostegno per la loro salute mentale, ma non è una novità.

Secondo un sondaggio condotto da stem4, circa il 37% dei giovani di età compresa tra i 12 e 18 anni afferma di aver ricevuto dei farmaci dai medici.

Circa più di un adolescente su quattro ha assunto farmaci antidepressivi, un numero che è aumentato soprattutto dopo la pandemia.

I dati

Secondo l’NHS, dal 2017 ad oggi i tassi di disturbi mentali sono sempre più i aumento. Nei bambini dai 6 ai 16 anni, l’aumento è passato da uno su nove (11,6%) a uno su sei (17,4%).

Tra i 17 e i 19 anni, la cifra è passata da uno su dieci (10,1%) a uno su sei (17,4%).

In Inghilterra, i bambini e giovani che hanno intrapreso un’assistenza medica ha raggiunto 420.314 solo nel mese di febbraio.

In Scozia, 4.544 giovani hanno iniziato dei trattamenti tra ottobre e dicembre nel 2021. Nel frattempo più di 1.570 giovani avevano atteso più di un anno per ricevere trattamenti alla fine del 2021.

La storia di Lily

Secondo i ricercatori dell’Università di Cambridge, la pandemia avrà un impatto duraturo sulla salute mentale dei giovani che l’hanno vissuta.

Un esempio è la storia di Lily, una giovane ragazza di 19 anni che frequentava l’università che nel 2020 si è tolta la vita. Era al secondo anno del suo corso di studi quando la pandemia ha bloccato tutto.

Ora la sua famiglia si dedica con altre famiglie, in modo che non debbano sopportare lo stesso dolore che hanno provato loro. Lavorano infatti con l’associazione di prevenzione del suicidio giovanile chiamata Papyrus.org.

“Lily era una ragazza coscienziosa e si preoccupò di rispettare le scadenze e le conseguenze per i suoi voti e futuri successi” ha detto Annie, la mamma della giovane.

La ricorda dicendo: “Lily aveva una naturale empatia. Ci sarebbe sempre stata per i suoi amici se avessero avuto bisogno di una spalla. Sapeva quanto fosse importante per tutti avere qualcuno con cui parlare. Ora voglio qualcosa di positivo dalla morte di Lily” in riferimento all’associazione con cui lavora.

Sempre più giovani si sentono scoraggiati e soli, e il Covid non ha fatto altro che peggiorare la situazione. Annie ha anche detto: “Te lo prometto, se stai lottando o conosci qualcuno che pensi possa essere in difficoltà, c’è sempre qualcuno là fuori che ti sosterrà. Prenditi cura degli altri. Per favore, non pensare che il suicidio sia qualcosa che non accadrà nella tua famiglia o a qualcuno che conosci e ami. Non succede solo ad altre persone. Parlare apertamente di suicidio lo renderà meno probabile, non di più”.