Issey Miyake, noto designer innovativo anticonformista, è scomparso oggi all’età di 84 anni a Tokyo. La causa della morte è carcinoma epatocellulare.

Amante del colore e del dinamismo, è stato uno dei pochi in grado a reiventare costantemente il proprio brand senza cadere nella banalità.

In una dichiarazione la casa di moda ha dichiarato: “Mai abbracciando le tendenze, lo spirito dinamico di Miyake è stato guidato da una curiosità incessante e dal desiderio di trasmettere gioia attraverso il design… Non si è mai tirato indietro dal suo amore, dal processo di creazione delle cose. Ha continuato a lavorare con i suoi team, creando nuovi modelli e supervisionando tutte le collezioni sotto le varie etichette Issey Miyake. Il suo spirito di gioia, responsabilizzazione e bellezza sarà portato avanti dalle prossime generazioni”.

Ma ora vediamo più nel dettaglio chi era il designer e i suoi passi verso il successo.

Chi era Issey Miyake

Nel 1970 ha fondato il suo studio di design e da quel momento in poi, è stato in grado di sfidare le convenzioni imposte dall’industria della moda.

Riusciva a ,mescolare abiti sportivi e confortevoli con abiti più sofisticati ed eleganti, il tutto intrecciando la storia del marchio con quella dei suoi profumi.

Insieme a Kansai Yamamoto e Kenzo Takada, ha costruito la sua carriera a Parigi dando vita a nuove forme estetiche esportate dall’Oriente.

Tra i suoi lavori, la reinterpretazione del tessuto a pieghe con il suo plissé Pleats Please. Nel 1998 creò anche la linea sperimentale A-POC, un emblema per la ricerca di design.

Pian piano, Miyake incominciò a ritirarsi innanzitutto lasciando la prima linea del processo creativo per poi ritirarsi quasi del tutto.

Secondo quanto riportato, non ci sarà alcun funerale o servizio commemorativo per via del volere del famoso designer prima del suo decesso.  Adesso, la sua lunga lotta contro il cancro è terminata.