Colpito da un fulmine, imprenditore agricolo muore per salvare il gregge – quante possibilità ci sono di morire folgorati?

Stefano Spoto, imprenditore agricolo di 44 anni, è morto dopo essere stato colpito da un fulmine mentre controllava il suo gregge a Casteltermini, Agrigento.

Il ritrovamento è avvenuto ieri mattina grazie all’allarme lanciato da un agricoltore che era a bordo di un trattore. Il 118, arrivato sul posto, non ha potuto fare altro che accertare il decesso per folgorazione.

Una tragica fatalità

Spoto, sposato e padre di tre figli, viene ricordato così dal sindaco Gioacchino Nicastro: “La comunità è attonita e ammutolita. Una tragica fatalità porta via un bravissimo ragazzo, un gran lavoratore, un marito e un padre esemplare”.

Il sindaco ha proclamato il lutto cittadino e ha aggiunto: “L’intera amministrazione comunale , il presidente del Consiglio e tutta l’assise si uniscono all’immenso dolore che ha colpito la famiglia. Interpretando il comune sentimento della cittadinanza, proclamo il lutto cittadino durante lo svolgimento delle esequie, che ancora non sono state fissate”.

L’uomo, sebbene lavorasse in una ditta, spesso andava ad aiutare il padre in campagna. Quel fatale giorno, era andato a controllare il gregge durante un temporale.

Le probabilità di morire folgorati

Le probabilità di morire folgorati da un fulmine è un evento improbabile ma non impossibile. Spesso è un fenomeno sottovalutato e le zone più a rischio sono appunto campi aperti, montagna, spiagge, mare e alberi isolati.

I decessi legati alla fulminazione non sono pochi: stiamo parlando di circa 1.000 morti in tutto il mondo ogni anno. In Italia sono circa 10/15 all’anno.

La probabilità per una persona di essere colpita da un fulmine nell’arco della sua vita è di 1 su 3000. “Solo” il 20/30% delle persone colpite muore. Tuttavia, esistono diverse stime a riguardo in base alla zona.

Esistono due tipi di fulminazione: il primo è diretto quindi quando la scarica colpisce direttamente il soggetto. Il secondo, è indiretto cioè quando la scarica elettrica colpisce il soggetto tramite l’acqua o il terreno.

La maggior parte dei decessi avviene per arresto cardio respiratorio immediato.