La Regina Elisabetta II verte in un delicatissimo stato di salute che ha fatto suonare il campanello d’allarme nel Regno Unito. In ogni caso il Paese, dal 1960, è già preparato in caso di morte della sua Sovrana.

Il 16 marzo del 2017 il “The Guardian” aveva pubblicato in esclusiva alcuni documenti ufficiali che rivelavano il processo da seguire e le modalità di esecuzione della successione di pratiche da mettere in atto in caso di morte della Regina Elisabetta II, che sarebbero costate più di cento milioni di sterline e denominata: “London Bridge is down”

I dettagli dell’operazione London Bridge is dowm

L’operazione “London Bridge is down” inizia non appena la morte della Regina viene confermata.

Fase 1. Il medico ufficiale comunica la morte ai famigliari e al segretario privato della Regina.

Fase 2. Il segretario privato della monarca avvisa il Primo Ministro, Liz Truss, attraverso un messaggio in codice su una linea telefonica riservata che recita: London Bridge is down.

Fase 3. Il Ministro degli Esteri britannico informa i governatori generali delle 15 nazioni a cui fa capo la Regina. Dopodiché informa anche i paesi che formano il Commonwealth.

Fase 4. La morte della Regina viene comunicata alla Press Association, la più antica agenzia di stampa del Regno Unito. I programmi televisivi si interrompono ed una volta che sono tutti connessi al segnale della BBC 1, il notiziario comunica al pubblico il decesso di Sua Maestà.

Fase 5. Il governo britannico dichiara nove giorni di lutto ufficiale nel Regno Unito.

Ipotetica fase 6. Ora la Regina Elisabetta II si trova nella sua residenza di Balmoral, e qualora Sua Maestà dovesse morire in Scozia, il feretro verrà trasferito nella cattedrale di Edinburgo e successivamente spostato a Buckingham Palace per un totale di quattro giorni.

Fase 7. Dopodiché la bara viene trasferita per altri 4 giorni a Westminster Hall, dove i cittadini possono effettuare processioni.

Fase 8. Il nono giorno, alle ore 9:00 del mattino, il Big Ben suona con un tono più solenne del solito e due ore più tardi, alle ore 11:00, nell’Abbazia di Westminster, iniziano i funerali che saranno trasmessi in tutto il mondo.

Fase 9. Terminata la cerimonia il corpo della Regina viene trasferito e sepolto nella cripta reale del castello di Windsor.