Nella giornata di ieri 5 aprile Silvio Berlusconi è stato ricoverato al San Raffaele.

È entrato in ospedale intorno a mezzogiorno ed ha passato la notte in terapia intensiva per alcuni accertamenti. È stata la sua compagna Marta Fascina ad accompagnare Silvio in ospedale dopo un malore nella sua residenza di Arcore.

La preoccupazione per la salute del leader di Forza Italia è molta e le notizie che ci arrivano sono poche e contraddittorie. Alcuni parlano di un affaticamento respiratorio come causa del ricovero, mentre invece c’è chi allude a problemi ematici o una grave patologia di sangue, perfino ad arrivare a ipotizzare una leucemia. Altri ancora parlano di una polmonite dovuta a un’infezione curabile con antibiotici, mentre invece c’è chi unisce i due problemi dicendo che è stato il problema di ossigenazione a causare complicazioni al sistema vascolare.

Per ora però sono tutte solo ipotesi e non c’è niente di ufficiale, nemmeno il suo medico di fiducia, il cardiologo Alberto Zangrillo, che l’ha seguito in ogni passaggio della sua vita, ha deciso di dire qualcosa riguardo la salute del leader di Forza Italia.

Silvio Berlusconi, 86 anni lo scorso settembre, è già stato ricoverato più volte nell’ultimo periodo per diversi problemi. L’ultima volta è stata proprio la scorsa settimana, Berlusconi era infatti stato dimesso dal San Raffaele proprio una settimana fa.

Questa è l’ennesima ricaduta del leader, che combatte con i problemi di salute già dal 1997, quando gli è stato diagnosticato un tumore alla prostata. Nel 2006 poi gli è stato impiantato un pacemaker. Dopo il Covid la salute di Berlusconi si è aggravata ulteriormente, con diverse polmoniti e problemi respiratori.

Inoltre, tra le cause delle condizioni dell’ex premier si cita anche lo stress a cui è stato sottoposto nell’ultimo periodo. “Nelle ultime settimane hanno tirato Berlusconi per la giacchetta, sottoponendolo a uno stress continuo. Gli hanno chiesto di cambiare coordinatori regionali, rimpiazzare elementi di vertice di Forza Italia, fare decine di telefonate. Uno stress che si poteva evitare”, dicono alcuni compagni di partito.

Come sta Silvio Berlusconi

In questo momento sono moltissimi i messaggi di supporto che arrivano al leader di Forza Italia. In mattinata suo fratello Paolo Berlusconi si è recato al San Raffaele per visitare Silvio e si è detto sollevato dalle sue condizioni. “È una roccia […] ce la farà anche stavolta”. Il dottor Zangrillo, che conduce il reparto di terapia intensiva cardiotoracica, non ha rilasciato dichiarazioni.

In questo momento la situazione sembrerebbe stabile e sotto controllo, l’ex premier è sveglio, vigile e parla.

Forza Italia ha fatto sapere che Berlusconi questa mattina ha telefonato a Tajani, il ministro degli esteri, per parlare con i dirigenti e i vertici del partito. Ha rivolto un affettuoso saluto e ha raccomandato il massimo impegno in parlamento. Barelli, capogruppo di Forza Italia, si dice sollevato dopo aver sentito Berlusconi per telefono. “Questa mattina ho parlato al telefono con Berlusconi, una chiamata che mi ha dato sollievo”.

A quanto si apprende da fonti dall’ospedale San Raffaele, per ora non è previsto alcun bollettino medico sullo stato di Silvio Berlusconi. Le stesse fonti confermano che il leader azzurro ha trascorso una notte tranquilla.