Chi è il rapper Killer Mike e perché è stato arrestato ai Grammy Awards?

Il 44enne, Killer Mike, è considerato una delle figure più rilevanti del genere hip-hop fino ai giorni nostri: nato come Michael Render il 20 aprile 1975, è un rapper, cantautore e produttore discografico statunitense di Atlanta, Georgia.

Killer Mike è cresciuto ad Atlanta con suo padre, veterano militare, e sua madre, un’insegnante di scuola. Ha iniziato a muovere i primi passi nel rap già in giovane età, gareggiando in talent show locali con suo fratello. Alla fine, Killer Mike si interessò così tanto alla musica hip-hop che cercò di trarne una carriera. Ad oggi è ricordato in particolare modo per i suoi album, celebrati dalla critica, e  per aver collaborato nel corso degli anni con altri artisti mainstream come Outkast, Big Boi, T.I. e Future. 

La carriera di Killer Mike

Nel 1993, Killer Mike pubblicò il suo album di debutto Monster, che è stato ben accolto sia dalla critica che dai fan, portandolo a firmare un accordo con la casa discografica Sony Music Entertainment. Da lì, ha pubblicato diversi altri album come I Pledge Allegiance to the Grind (2006), R.A.P. Music (2012) e Run the Jewels (2013).

Killer Mike attualmente vive ad Atlanta con sua moglie Shana Render e i loro due figli, dove si è distinto per essere un sostenitore attivo di una serie di cause sociali, come Black Lives Matter e la riforma della polizia. Ha anche sostenuto la legalizzazione della marijuana e accusato pesantemente il tuttora vigente razzismo all’interno dell’industria musicale.

L’influenza di Killer Mike sull’hip-hop si è fatta sentire. È stato responsabile, infatti, di alcuni degli album più innovativi degli ultimi due decenni e i suoi testi spesso contengono potenti messaggi sociali.

Cosa è successo ai Grammy Awards 2024?

Domenica 4 febbraio 2024, Killer Mike ha dominato i Grammy rap Awards nelle categorie in cui era nominato: il miglior album rap per “Michael”, la migliore canzone rap e la migliore performance per “Scientists and Enginners”.

Tuttavia, a seguito dell’incredibile vittoria, è stato arrestato per aggressione minore dalla polizia di Los Angeles, secondo quanto riportato da The Hollywood Reporter. Il reporter dell’Hollywood Reporter, Chris Gardner, ha diffuso per primo la notizia dell’arresto, tramite i suoi video pubblicati su X. Nei filmati, si vede il rapper in manette, mentre veniva scortato dagli agenti della polizia fuori dalla Crypto.com Arena, durante la parte pre-televisiva del gala.

L’avvocato dell’artista ha, però, confermato a Variety domenica sera che Killer Mike è stato alla fine rilasciato: “È fuori e festeggerà il suo colpo stasera”. Killer Mike ha condiviso, nel frattempo, sul suo profilo X una serie di emoji che stanno ad indicare i suoi tre premi ricevuti, accompagnate dalla frase “grazie Dio”.