India, una donna di 70 anni ha partorito il suo primo figlio, concepito grazie alla fecondazione in vitro.
La neo-mamma, insieme al marito di 75 anni, danno la bella notizia, mostrando con orgoglio il bimbo ai giornalisti.
Non è la prima volta che in India si registra una partoriente così anziana: qualche anno fa, infatti, una donna di 74 ha dato alla luce due gemelle.

Jivunben Rabari e il marito Maldhari, sposati da 45 anni, per tutta la durata del loro matrimonio hanno cercato di avere figli, senza però riuscirvi.

I due coniugi, dopo decenni di tentativi, su consiglio di alcuni familiari, dal loro piccolo villaggio di Mora, hanno raggiunto il dottor Naresh Bhanushali per un consulto.

Il medico, inizialmente, si è mostrato molto titubante: “Quando sono arrivati da noi la prima volta, gli abbiamo detto che non avrebbero potuto avere un figlio ad una età talmente avanzata, ma hanno insistito”.

Madre a 70 anni: è quasi un record

Nonostante ci siano diversi casi di donne tra i 60 e i 70 anni in India che sono riuscite a portare a termine la gravidanza, la percentuale resta bassa.

Vero è che la fecondazione in vitro è possibile anche nel caso di donne in menopausa: l’importante è che l’utero sia “normale”, ovvero fertile.

La pratica prevede l’impiego di uteri donati da giovani donne, che vengono fecondati fuori dal corpo tramite l sperma dell’uomo. A questo punto, l’embrione viene poi innestato nel ventre della mamma.

Jivunben Rabari, pertanto, potrebbe essere una delle donne più anziane ad essere diventate madre, seguendo la connazionale Erramatti Mangayamma, divenuta mamma di due gemelle nel 2019, a 74 anni.

Tolta l’eccezionalità della vicenda, dovuta all’avanzata età della donna, resta la bella notizia di una gravidanza portata a termine con serenità e con esito positivo.

Che dire, non ci resta che fare gli auguri ai neo genitori!