Chiamata anche con l’appellativo: ‘la Signora di ferro’, è il simbolo di Parigi e uno dei monumenti più visitati e fotografati al mondo.

Si tratta della Tour Eiffel, che oggi compie 133 anni.

Costruita nel 1889 per l’Esposizione Universale di Parigi, una delle tante rassegne dedicate alla consacrazione della rivoluzione industriale, dove la capitale francese divenne il luogo destinato ad ospitare il simbolo mondiale del progresso.

Costo e dinamiche di realizzazione:

7 milioni e 800 mila franchi-oro, molti di più dei 5 milioni previsti inizialmente da Eiffel e dei 1,5 milioni stanziati dal governo francese.

L’elegante silhouette che oggi tutti ammiriamo non è dovuta a ragioni stilistiche ma interamente a necessità strutturali che vertevano sulla necessità di innalzare al massimo grado la resistenza della torre agli enormi carichi statici prodotti dalle strutture metalliche e a quelli dinamici generati dal vento.

Il 7 gennaio 1887, tre anni dopo l’ideazione, venne finalmente ufficializzato l’incarico a Eiffel, il 28 gennaio poterono così cominciare i lavori nella sede scelta in definitiva: la zona nord-occidentale di “Champs de Mars”.

I ritardi, durante il periodo di costruzione, sono molteplici e continuano ad accumolarsi portando ad un clima di grande incertezza.

Tutti i presenti, compreso lo stesso Eiffel, dubitano dell’effettiva conclusione del monumento entro la data dell’inaugurazione dell’Esposizione Universale, fissata per il 1° aprile 1889.

Malgrado le enormi difficoltà però la sfida viene infine vinta e l’opera viene consegnata domenica 31 marzo 1889; ben 133 anni fa, esattamente un giorno prima dell’inaugurazione ufficiale dell’Esposizione Universale.

Da allora la Tour Eiffel svetta sullo skyline parigino come uno dei massimi simboli identitari francesi ed europei.

Con i suoi 300 e passa metri di altezza, la torre continua a svettare sotto lo sguardo ammirato di passanti e turisti rappresentando ancora oggi la vetrina per eccellenza della Francia e della popolazione francese.